Il Kindle, perché leggo tanto

Il Kindle, perché leggo tanto
Share onShare on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on LinkedInEmail this to someone

Leggo e leggo tanto. Ho scoperto gli ebook e utilizzo il Kindle di Amazon.

Mi piace leggere. Mi piace pure scrivere. E per imparare a scrivere, fra le altre cose, leggo tanto. Così apprendo da chi sa scrivere meglio di me.

Dicevo… leggo tanto e in un anno faccio fuori almeno una quarantina di titoli fra classici, libri di diritto, utili per la professione che svolgo. A questi ci aggiungo anche tanti volumi e volumetti vari sul marketing, blogging, seo e ambito digitale. Come si dice… impara l’arte e mettila da parte.

Una quarantina di libri all’anno forse non sono tanti ma inizio ad avere problemi di spazio e anche se vado all’Ikea per comprare un’altra libreria, la questione è

in casa… sta libreria… dove la metto?

A questo particolare ci devi aggiungere anche il prezzo dei libri. Alcuni costano proprio tanto… e non mi dispiacerebbe risparmiare qualche soldino per alimentare la lettura.

 

Ho scoperto il Kindle

kindle

È il lettore di ebook commercializzato da Amazon e gli ebook sono i libri in formato elettronico. Cioè libri normali, con gli stessi contenuti. Solo che invece di essere stampati su carta, sono digitalizzati e racchiusi su un file.

Per essere letti, questi ebook, hanno bisogno di un aggeggio tecnologico definito “ebook reader”. E fra questi ebook reader, io ho scelto il Kindle.

Vero è che gli ebook, essendo digitali, possono essere letti anche sullo smartphone oppure sul tablet. Se è per questo li puoi leggere anche al pc ma fidati… col Kindle è un altra cosa.

Innanzitutto perché questo aggeggio tecnologico – ebook reader – possiede una tecnologia definita dai cervelloni e-ink. O e-paper. Insomma la “e” ci sta sempre. Sta per “elettronic”. Inchiostro elettronico insomma.

Grazie a questa tecnologia il display del Kindle imita l’aspetto dell’inchiostro su carta. Inoltre, poiché lo schermo non è retroilluminato, risulta meno stancate per gli occhi, rispetto allo  schermo di tablet o smartphone.

Il display del Kindle riflette la luce ambientale come un vero foglio di carta e in pratica hai proprio la sensazione di leggere un libro normale. In più questo display non ha punti ciechi se lo inclini e quindi puoi tranquillamente divanarti (stenderti sul divano) e leggere.

Inoltre si possono ingrandire i caratteri, evidenziare parti di testo, prendere note, appunti e c’è anche il dizionario incorporato. E poi la batteria dura tantissimo. Con una mezz’ora al giorno di lettura, in media, riesco a farci un venti giorni prima di doverlo caricare di nuovo.

 

Gli ebook sono più economici

Un libro in formato elettronico costa meno di quello cartaceo. È vero che ai più piace avere fisicamente i libri in libreria, sentire l’odore della carta, toccarli con mano. È sempre affascinante. Ma personalmente ho deciso di alternare fra elettronico e cartaceo. Ci sono volumi che mi piace avere di carta e che mi conviene comprarli in formato elettronico.

Il prezzo vantaggioso ti permette di ammortizzare il Kindle in poco tempo. In più, quello che ho preso io, il modello base, ha 4gb di memoria e può contenere migliaia di libri.

 

Mi piace, è comodo e leggo di più

Effettivamente ho riscontrato che da quando ho il Kindle, leggo di più. Credo sia dovuto alla comodità generale del congengno elettronico.

Si perché lo carichi, lo metti in borsa e vai. Compro i libri che mi interessano e quando sullo store ci sono titoli in offerta, proprio perché costano meno e sono convenienti, li prendo anche se non rispecchiano proprio il mio genere letterario preferito.

Man mano ti crei una libreria portatile, gli aggiungi qualche manuale in pdf (perché il Kindle legge anche i pdf) e nelle pause in metropolitana o alla fila della posta…  ti tieni compagnia con la lettura.

Poi c’è anche lo gnomo qui a fianco che suona mentre leggo e si crea una bellissima atmosfera.

Provalo!

kindle sul tavolo

Share This
Frank

Legale in Caserta, appassionato di internet e nuove tecnologie. Scrivo per rendere le cose interessanti. Ricorda “asino chi legge” ma soprattutto che… l’importante è esserci.
Ciao