Pixabay Mobile App

Pixabay Mobile App
Share onShare on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrShare on LinkedInEmail this to someone

Finalmente, devo dire, Pixabay ha rilasciato un app per mobile. L’ho scoperta qualche giorno fa. Molto comoda e veloce.

Conosci il sito Pixabay.com? È un meraviglioso sito web internazionale dove trovi immagini gratis e di alta qualità. Nato per condividere foto, grafica vettoriale, illustrazioni e robe simili. Tutte rilasciate libere dai diritti d’autore e pubblicate sotto licenza Creative Commons CC0. Almeno così si legge nelle domande frequenti pubblicate sul sito.

In pratica, chi posta una foto sul sito, permette agli altri utenti di poterla utilizzare, modificare e ridistribuire liberamente, anche per applicazioni commerciali. Non bisogna chiedere permessi o autorizzazioni all’autore.

Non perchè gli autori vengano sviliti… ci mancherebbe. L’idea alla base è interessante e bella perchè ti permette di ottenere tante foto di qualità per ogni uso. Consideriamolo un gesto d’amore e di fratellanza verso la comunità online.

Anche tu ti puoi registrare al sito e condividere le tue immagini.

Mi piace tanto questo sito e lo utilizzo spesso per cercare le foto che uso sul blog, sui social e nelle presentazioni. Perlopiù ci scrivo sopra, graficamente, qualche citazione e poi le pubblico. C’è addirittura un plugin per WordPress. Il massimo della comodità quando scrivo gli articoli.

persone insieme

Ci speravo

Ovvio che anche senza applicazione, dallo smartphone, comunque si riesce a vedere e scaricare le foto. Ti colleghi al sito tramite il browser e vai. Ma speravo che prima o poi gli sviluppatori avrebbero dato vita all’app.

È più comoda. Più immediata. Così puoi cercare le foto più velocemente anche durante la fila della posta o della cassa del supermecato.

Ti lascio il link se vuoi scaricarla anche tu sul tuo dispositivo.

Share This
Frank

Legale in Caserta, appassionato di internet e nuove tecnologie. Scrivo per rendere le cose interessanti. Ricorda “asino chi legge” ma soprattutto che… l’importante è esserci.
Ciao